OSSERVARE LE TANTE INTELLIGENZE PER PROMUOVERE L’INCLUSIONE A SCUOLA

Servizi

 Includere non significa solo accogliere ma anche creare opportunità di crescita costruendo un contesto stimolante adeguato al diritto di apprendimento ed alla partecipazione di tutti i bambini.
Al centro dell’azione educativa va infatti posto il bambino in tutti i suoi molteplici aspetti e bisogni. Cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, etici, creativi.
Sia in famiglia che nella scuola dobbiamo promuovere lo sviluppo armonico e globale del bambino rispettandone l’unicità e l’originalità ma aiutandolo ad imparare le regole della socialità.
Con Gardner e la sua famosa Teoria delle intelligenze multiple sappiamo ormai che gli esseri umani sono per natura dotati di una pluralità di intelligenze diverse: linguistica, spaziale, cinestetica, musicale, logico-matematica, naturalistica, intrapersonale ed interpersonale.
L’adulto che vuole relazionarsi con il bambino piccolo non può dunque limitarsi ai codici linguistici tradizionali ma deve dare spazio agli altri linguaggi e saper osservare il bambino che apprende mediante canali differenti rispettandone l’originalità con un atteggiamento empatico di ascolto
e sviluppandone le potenzialità insegnandogli a stare con gli altri.
Il bambino cresciuto solo in una famiglia ristretta ha avuto poche opportunità di confrontarsi con gli altri e di prendere le misure nel rapporto sociale, essenziale è creare situazioni di incontro e confronto con i coetanei per favorire uno sviluppo armonico delle molteplici intelligenze.